Oidio della vite, ecco tutti i rimedi

Oidio della vite, ecco tutti i rimedi

L’oidio della vite, conosciuto anche come muffa bianca, nebbia o “mal bianco”, è una malattia della vite da vino e da tavola. Si tratta di un fungo, Uncinola necator, nome latino dell’agente eziologico, importato dall’America durante il XIX secolo. Insieme alla peronospora, l’oidio è tra i problemi più gravi che affliggono la vite, aprendo la strada a infezioni successive di altri patogeni, come la botrite.

Sintomi e danni

L’oidio può infettare tutti gli organi verdi della vite causando i danni maggiori su germogli, grappoli e singoli acini. I primi sintomi visibili sulle foglie consistono in piccole macchie giallastre traslucide, le quali, con il passare del tempo, possono interessare totalmente o in parte la superficie fogliare, impedendone lo sviluppo e causando increspature necrotiche brunastre: i lembi si curvano verso l’alto, la foglia ingiallisce e cade.

oidio

In corrispondenza di questi sintomi, la foglia viene ricoperta dalla caratteristica patina biancastra e polverulenta. I tessuti colpiti sono decolorati e traslucidi.

I germogli possono essere interessati fino dal loro sviluppo, a causa della crescita del fungo latente nelle gemme; il micelio può ricoprire totalmente il germoglio che assume una colorazione biancastra con il lembo fogliare ripiegato verso l’alto, le cosiddette “foglie a bandiera”.

oidio

Le gemme in via di formazione possono essere colonizzate dal micelio, nelle quali svernerà in forma latente. Le infiorescenze, così come gli acini appena allegati, sono molto suscettibili alle infezioni oidiche e vengono rapidamente ricoperti dal micelio del fungo.

Recenti studi epidemiologici hanno messo in evidenza come i grappoli siano maggiormente suscettibili al fungo nella fase della fioritura, mentre a partire dal raggiungimento delle dimensioni di 4-6 mm tale suscettibilità tende a ridursi col proseguire della stagione vegetativa.

Gli acini colonizzati precocemente rimangono di piccole dimensioni e vengono ricoperti dalla caratteristica efflorescenza bianco-grigiastra che emana un forte odore di muffa. Il blocco dell’accrescimento dell’epidermide e il contemporaneo sviluppo della polpa causano spaccature longitudinali che spesso mettono in evidenza i vinaccioli, favorendo indirettamente gli attacchi di muffa grigia e di altri funghi e batteri saprofiti. Gli acini successivamente possono raggrinzire, disseccare e cadere. Gli esiti di infezioni tardive dell’acino si evidenziano con reticolature brunastre della buccia.

oidio

Condizioni di sviluppo

  • Temperatura: il micelio è in movimento a 5-6°C, optimum termico 25°C
  • Umidità relativa: bassa 25-30%
  • Assenza di piogge: la pioggia dilava i conidi
  • Elevata ventosità: rimuove le goccioline di acqua dalla pianta trasportando i conidi
  • Scarsa illuminazione: i raggi UV riducono la vitalità dei conidi
  • Elevata acidità dell’acino: grado zuccherino < 12-15%
  • Tessuti in forte accrescimento.

Rimedi

È possibile combattere l’oidio sia con i metodi di controllo agronomici sia con quelli chimici. Per quanto riguarda i vigneti non infetti si utilizzano metodi ovviamente di tipo preventivo. Nei vigneti già infetti, invece, si cerca di limitare il più possibile i danni arrecati effettuando una serie di trattamenti chimici, per i quali vi sono maggiori rischi di selezione di ceppi resistenti.

Anche per la Peronospora sono necessari molti trattamenti, quindi, solitamente, si cerca di far coincidere il più possibile i trattamenti per i due patogeni, tenendo comunque in considerazione che i vari trattamenti richiedono condizioni predisponenti opposte. In tal modo si riducono al minimo i residui sul prodotto e il costo dei trattamenti stessi.

Metodi di controllo agronomici

  • Rimuovere le foglie infette dal terreno che contengono il cleistotecio svernante;
  • Valutare la densità d’impianto, l’esposizione e la forma di allevamento;
  • Sistemazione e legatura dei tralci;
  • Eseguire leggere sfogliature intorno ai grappoli;
  • Concimazioni e irrigazioni equilibrate;
  • Evitare l’utilizzo di portainnesti vigorosi;
  • Evitare eccessive concimazioni di azoto;
  • Evitare potature lunghe e ricche (affastellamenti < luce);
  • Eliminare viti portatrici di oidio.

Metodi di controllo chimici

  • Intervenire con prodotti di copertura fino alla pre-fioritura, e dalla prefioritura all’invaiatura con prodotti sistemici e di copertura;
  • Zolfo, soprattutto in pre-fioritura, da distribuire al mattino o alla sera per evitare fito-tossicità;
  • IBE (inibitori sintesi ergosterolo): triazoli, pirimidine, piridine;
  • Strobilurine;
  • Spiroxamina (inibitore enzimi del patogeno);
  • Quinoxifen (inibitore germinazione conidi e spore) come trattamento preventivo.