Coperture polifunzionali: Pioggia Multishield – Inside #9

Coperture polifunzionali: Pioggia Multishield – Inside #9

Come sapete, da circa 2 anni in Valente abbiamo realizzato i famosi “campi prova” che ci servono per eseguire una serie di test utili a comprendere i comportamenti delle strutture. Nello specifico ci concentriamo su:

- modalità di installazione;

- velocità di installazione;

- modalità di manutenzione;

- resistenza agli agenti atmosferici;

- usura dei materiali.

Ovviamente i “campi prova” servono anche alla nostra clientela che, passeggiando tra gli impianti, può rendersi conto di come vengono costruiti, quali sono i plus e quale tipo di copertura è più idonea ai propri scopi. Insomma, uno show room completo dove le persone sono in grado di valutare diverse opzioni e scegliere la soluzione migliore, senza dover girare mezzo mondo inutilmente.

Prenota ora la tua visita ai nostri campi di prova: clicca qui e compila il form, ti aspettiamo!

Per quanto riguarda le coperture, ne esistono di diversi tipi ma con la caratteristica comune di essere tutte coperture POLIFUNZIONALI. Ciò vuol dire avere la capacità di svolgere più funzioni contemporaneamente, garantendo allo stesso tempo protezione in campi di utilizzo differenti, dalla pioggia alla grandine, dal vento agli insetti.

Fatte salve tali funzionalità comuni, ogni diversa tipologia di copertura ha poi una propria caratteristica distintiva che la rende particolarmente performante ed indicata in determinati ambiti di utilizzo.

Nello specifico, gli impianti nei nostri campi di prova sono dotati delle seguenti coperture, così denominate:

- grandine;

- pioggia;

- pioggia plus + grandine;

- pioggia Multishield.

Lo scopo di questa rubrica è quello di accompagnarvi attraverso un percorso tecnico, semplice e intuitivo, che vi aiuti a chiarire quali sono le caratteristiche ed il funzionamento di ogni tipologia di impianto, così da avere un’anticipazione su quello che potrete vedere nel caso decideste di farci visita presso i nostri “campi di prova”.

Oggi parliamo dell’impianto denominato “PIOGGIA MULTISHIELD”.

coperture polifunzionali

Questo tipo di impianto viene utilizzato per la protezione delle colture dalla pioggia e, grazie alla sua versatilità, è adatto sia ai piccoli frutti sia agli alberi di ciliegio di dimensioni importanti, con un’altezza massima di 5 metri.

L’impianto Pioggia Multishield ha una particolarità che lo rende unico nel suo genere: l’agricoltore può aprire e chiudere i teli anti-pioggia in qualsiasi momento, rendendo questo impianto il più versatile e funzionale tra tutti gli impianti di copertura.

La particolare disposizione dei teli consente all’operatore di farli scorrere sul telaio della struttura, in modo da gestire l’apertura e la chiusura a seconda delle necessità.

coperture polifunzionali

Questo sistema rappresenta un grande vantaggio in quanto permette, in condizioni normali, di lasciar crescere le piante nella maniera ottimale, per poi coprirle solo nel momento del bisogno, ovvero quando c’è effettivamente il rischio pioggia.

La struttura è sorretta dai nostri pali in cemento precompresso, collegati tra di loro da fili e funi longitudinali e trasversali. In aggiunta alle tradizionali strutture vengono posizionati due fili interfilare, che serviranno allo scorrimento dei teli in fase di movimentazione.

L’impianto è dotato di telo impermeabile costituito da strisce di polietilene intrecciate, in modo da conferire resistenza meccanica al materiale, successivamente rivestite di un sottile strato di film plastico, così da renderlo impermeabile.

Infine, il telo viene rifinito con due bordi rinforzati e forati per assicurare il fissaggio alla struttura e garantire la resistenza alle sollecitazioni a cui sarà sottoposto.

coperture polifunzionali

In zone particolarmente grandinigene si utilizza la doppia copertura film + rete anti-grandine, in quanto la protezione dei frutti dalla pioggia è di norma necessaria per soli 30-40 giorni all’anno, mentre la protezione delle piante dalla grandine deve essere garantita per almeno 7 mesi all’anno.

Anche questa struttura, provvista di film di copertura, si può definire polifunzionale, ovvero in grado di svolgere più funzioni nello stesso tempo. Gli effetti sono:

- antipioggia;

- antigrandine;

- frangivento;

- ombreggiante;

- anti-insetto (Drosophila Suzuki, Carpocapsa, Cimice asiatica) con appositi accorgimenti.

Anche questo impianto, come l’impianto antigrandine, per garantire la giusta efficacia nelle diverse condizioni, deve essere progettato in maniera adeguata. Inoltre, per realizzarlo in maniera corretta, è necessario seguire con estrema attenzione alcune regole ben precise, onde evitare successive brutte sorprese durante le giornate di maltempo.

coperture polifunzionali

In questo impianto la copertura anti-pioggia crea una barriera fisica che si oppone completamente alla forza del vento; abbiamo quindi bisogno di grande resistenza per resistere tali sollecitazioni, sia che si tratti di raffiche violente sia di vento non violento, ma che comunque soffia in modo continuativo anche per giorni.

Per evitare, quindi, spiacevoli sorprese, è bene seguire queste fondamentali regole:

Regola n. 1

I pali vanno posti a una distanza massima di metri 9,00, così da creare un reticolo di pali robusto.

Regola n. 2

Tutti i pali intermedi vanno ancorati nel terreno per evitare che il vento estragga letteralmente il palo dal suolo.

Regola n. 3

I cappucci devono essere fissati perfettamente ai pali in modo da evitare che il vento scoperchi la struttura.

Regola n. 4

È necessario realizzare un punto debole per permettere lo scarico delle forze. In questo caso il punto debole è dato dall’interruzione del telo in ogni palo, in modo da avere delle piccole “vele” di film plastico che creano poca sollecitazione all’impianto.

Fatte salve queste 4 regole, dobbiamo sempre ricordarci di applicare uno dei principi fondamentali delle coperture: per evitare che pioggia o grandine riescano a entrare e danneggiare i frutti, lo spazio che si crea tra terreno e film non deve mai superare la larghezza del filare (H<L).

coperture polifunzionali

La struttura deve essere realizzata usando pali in C.A.P. di sezione adeguata alle dimensioni dell’impianto, tenendo conto dell’altezza della struttura e delle superfici da coprire. L’impianto va ancorato perimetralmente e messo perfettamente in tensione per consentire l’appoggio della rete di protezione e successivo fissaggio, in modo da garantire l’integrale copertura del frutteto.

coperture polifunzionali

Quando necessario, l’impianto può essere dotato delle chiusure perimetrali per creare il “monoblocco” e impedire così l’ingresso degli insetti. Esiste comunque la possibilità di personalizzare le chiusure per assecondare le diverse necessità aziendali di ottimizzazione dell’impianto e dello spazio limitrofo.

coperture polifunzionali

Se si realizzano delle strutture adeguatamente progettate e rispettose di tutte le regole costruttive, potremmo stare assolutamente tranquilli e concentrarci solo sul raccogliere e godere di frutti spettacolari!